ricerca
avanzata

Skylanders Sensei Hood Sickle (I) (TTL)

Un videogame per TTL  prodotto da Activision Blizzard

  • € 16,98
 

Personaggio Skylander Sensei da utilizzare con il videogioco Skylanders Imaginators.

Ciascun  Sensei padroneggia una delle 10 potenti Classi di combattimento (ad esempio: Cavaliere, Stregone, Attaccabrighe e altro ancora). Essendo maestri delle Classi di combattimento, solo i Sensei possiedono l’abilità di scatenare lo  Sky Chi – la super mossa finale delle Classi di combattimento. Nei confronti degli Imaginator Skylanders di recente creazione, i Sensei Skylanders intrattengono un rapporto allievo-maestro. Ciò si traduce nella possibilità da parte del Sensei di sbloccare armi esclusive a favore dell’Imaginator, di sbloccare la progressione di livello dell’Imaginator consentendo l’accesso ad aree speciali e di sbloccare nuove Tecniche segrete per gli Imaginators della medesima classe.

Hood Sickle ha un aspetto davvero spaventoso. Qualcuno dice che dipende dalla sua altezza, qualcun altro dà la colpa a quel suo minaccioso cappuccio, ma è soprattutto la lunga falce affilata a tenere lontana la maggior parte delle persone. Per non parlare della sua brutta abitudine di sparire per poi riapparire all'improvviso alle spalle degli ignari presenti! Insomma, i Trap Masters che lo rinchiusero nella Prigione Scrocchianembi speravano di non rivederlo mai più. Ma Padron Eon pensava che Hood Sickle potesse cambiare. Tutti gli davano del folle, ma dopo aver trascorso del tempo con la misteriosa creatura, Eon scoprì che Hood Sickle non era veramente cattivo... era solo terribilmente spaventoso. Il suo lavoro era quello di terrorizzare gli altri, e Hood Sickle lo prendeva molto sul serio. Eon pensò che, se l'avesse scelto come Sensei, avrebbe potuto dedicarsi con altrettanto impegno all'insegnamento, e inoltre il suo aspetto avrebbe tenuto in riga gli studenti. I fatti gli diedero ragione: Hood Sickle ora insegna agli Imaginators di classe Sentinella, che pendono letteralmente dalle sue labbra. Anche perché hanno paura delle conseguenze...

Informazioni bibliografiche